SU BRUNZETE

9 Febbraio 2017 | | 1 Commento

“Vi rivelo un segreto. Ecco il tempo in cui lo Sposo coronerà la Sposa.
Ma dove è la corona? Verso il Nord. E donde viene lo Sposo? Dal Centro,
dove il calore genera la luce e si porta verso il Nord, ove la luce diviene
splendente. Ora, che fanno quelli del mezzogiorno? Si sono addormentati
nel calore; ma essi si ridesteranno nella tempesta e, fra essi, molti saranno
spaventati sino alla morte”. J. Boehme, Aurora, II, XI, 43

Per una Filosofia dei Nuraghi
L’esperienza del nùminoso secondo le categorie del Sacro nella Filosofia della Religione e nella filosofia tedesca contemporanea come ad esempio in Rudolph Otto, è un’esperienza che riguarda il sublime e quindi l’Arte, la Religione e la Filosofia . E’ appropriato parlare di Filosofia Nuragica e di Religione? Meglio di quanto possa fare io lascio parlare in limba al fine di trovare quello che Martin Heidegger avrebbe chiamato i sentieri o le tracce di legno e di pietre che apparentemente si interrompono nel fitto del Bosco.

SU BRUNZETE
• Su brunzete subra ‘e sa ziminea de sa domo ‘e campagna pariat cosa sacra. Antòni l´aiat agattadu ind unu cuzòne de muru, inìe, acurzu a sa tumba de zigantes, sutta e-i su calighe ‘e muru e-i sa lana ‘e crastu chi fit solitu iscolzare dae sa rocca pro si l’ ‘attire a sas narisi e pro intendere in sas intragnas de su coro cussu profumu raru mai ismentigadu de terra e incensu. Su brunzete, teniat sa frigura de una femina sèzida chi giughiat in sinu su fizu sou. Cun d’unu soldadu, unu frombolieri, un arzieri, o una naighedda tottu tiat esser bistadu pius fazile. Colende sal dies, Antòni onzi notte canno recuìat, lu abbaidaìada ke lumèra lendelu a tràghidas pessighìdu da-e una timòria antiga. Passende adananti ‘e su nuraghe acculzu a sa losa ‘e sos zigantes si preguntaìat pienu de ispantu chie tiat esser bistada mai sa zenìa misteriosa artefize de oberas gai bellas. Una notte de tempesta, canno sa campagna fidi allupiada da-e sa lughe de sos lampos, unu tronu a isprammu lu ischidesit. Su brunzete illuminadu da-e sos lampos l’ aìat ammentadu unu sonnu chi aiat fattu pagu tempus prima: s’agattesit in d’una naitta e-i su mare fit in tempesta. Òmines lanzos cun corros de trau in sa conca fin’ intregàdos abbentende sas ‘elas. Sa nae giughìat issa puru adananti, una conca de trau de linna e brunzu. Sos omines giughìan una resorza a rughe de gamma greca inghiriàda in su tuscju, su Re mere ‘estiat una cappa niedda de lana russa ‘e fresi, Antòni giughìat sa mastrukka de peddes de ‘elveghe e de craba.
Su re jamèsit Antòni pro aberrere sa càscia chi s’agattaìat adasègus de sa nae pro affiaccàre unu brunzete. Su re li oldinèsit de l’apporrere sa naitta e adapoi, su Mere, cun su brunzete e cun sos brebos sacros in bucca cun sal manos alziadas in altu, che la ‘ettèsit in su mare. Su mare fid’abboniadu, sa temporada e s’Astrau si ch’annèsit muliende, sos òmines fin salvos ma istraccos e cunsumìdos. Antòni faeddaiat su nuragiku, in ùe tottu sas peraulas finiant in gon, ai,ui, ur ,ur, ri, or, ri, ghe oi o in ke. Sos atteros puru faeddaìana sa matessi limba ma pius istrinta, gùtture e tosta. Sa naitta fi’ garriga de pedra de ‘idru, ’idrosa e ramine e avansaìat pasada, in mesu ‘e su mare akostasa-akostasa a un’isula irde ermosa e bunnante. Goi Antòni pro sos tronos e-i sa tempesta si ischidèsit da-e su sonnu : su sonnu, su brunzete, sos nuragikos, medas preguntas kena peruna resposta. Passenne igùe unu tedescu, custu preguntesit ite prezisa posizione haìan appidu kussos paritzos nuraghes in sa punta ‘e Cantaru Addes. Antòni ammanitzèsit su labiolu pro faghere su pane ‘uddidu cun su zichi kando s’iscientziadu fid’ in esplorazione. Torradu su tedescu manighèsin’ umpare e buffèsin muristellu rusju de Gonolva. S’omine nesit de essere unu iscienziadu de archeologia nuragica e chi fit vint’annos istudiende s’antiga ziviltade de Nur.
In cussu istante Antòni cun sos ojos lùghidos cuminzaìada a cumprendere su misteriu antigu ki da-e meda lu fit oriolende. S’iscienziadu nesit ki sos nuragikos ‘eniana primariamente da-e sa terra de Ur e ki fini Sumeros, connoschìan s’iscrittura, fin navigantes e-i sa limba insoro fi’ s’antigu Sumèru innestadu a su Sardu antigu in sa permanenzia a Nur. Antòni si fi’ triminde tottu pro su brunzete, fidi komente ki in kustos meses una folza de maja intraiat e bessìat da-e su brunzete, e, da-e custu prenetaìada in sas intragnas de Antòni; comente unu cristianu giughìat un’anima e-in calchi modu fi’ guasi komente a tenner s’ammuntadora e-i s’anima si ch’annaiat attesu fintzas intr’ ‘e su brunzu chi faeddaiat comente unu frade, fit una esperienzia numinòsa, Sacra.
S’archeologo faedende de sol biàzos longos a Cipru, in sa Siria, in sa Turchìa e in sa Mesopotamia pro chilcare sa Dea Mater Mediterranea nesit ki nudda piùs de Nur l’aiat ammaliadu misteriosamente. S’iscienziadu nesit de sa religione nuragika. Sos nuraghes sunu sa frigura de sa fromma de sa perfezione, da-e issos naschin tottas sas friguras de su ballu tundu, de sa musika de su coju tra su masciu e-i sa femina, de su Sole de sa Terra e de sa Luna. Interrìghinende Antòni si munteniat sa ‘ucca intr’ ‘e ambas manos abertas fissu ainnanti ‘e su sole. Chie fit kussa mama de brunzu cun su fizu in su sinu? Fidi forsis sa Mater Mediterranea? Una dea mama cun su fizu sou? Pensaìada a su sonnu, a sas peraulas de s’iscienziadu: Sos nuragikos fini abitantes de sa terra de Ur. Ma no finian in ur sas peraulas de cussa limba istrinta e lestra? E si tian’ esser’ ‘ istados deabberu Caldèos?
Un ateru sonnu: Òmines de divescias razzas fini fraighende una turre alta fintzas a chelu, custos omines faeddaiana sa matessi limba. Bi fi’ puru isse cun sos cumpanzos cun sos corros de trau in conca. A unu zeltu momentu onz’unu faeddèsit una limba divescia e-i sa turre restèsit gai, kena esser finida. Sos populos s’ispaltèsin onz’unu segundu sa matessi limba. In Ur de Caldèa si fraigaìan domos de mattones de alvinu e de paza e istudiaìan s’astronomia. Tres Res astròlugos aìan leggidu in su chelu s’avrèschida de un isteddu lughente unu Re potente giamadu Deus salvada, Prinzipe de sa Paghe. Da-e Ur nol movìmmo piùs a Ozidente e a Meridione: babbu nostru fid Abramu.
Sighìmis sa religione de s’unidàde de s’isfera, de su cerchiu, de su sole, su Deus Unicu Onnipotente creadore de s’universu. Nol movìmmo lassende sa Sirja e sa Palestina e cun sal nostras naes attraessèsin su Mediterraneu. Arrivados a Nùr superende pro sa prima ‘olta sas colonnas de Ercule in pius boltas torraìmis a Nùr. Restèsit trobojàdos in sa gherra de sos Populos de su Mare, kuntra s’Egitto de su potente faraone Ramses II.
Antóni s’ischidèsit a s’avrèschida pensende a su sonnu fattu intr’ ‘e notte: su biazu mannu, sa profezia de sos astròlugos sumèros ite cherìat narrer? Ma zeltu, no solu fimis fizos de-i su Tigri e de s’Eufrate ma fimis puru bisciajos de Xristu. Como a sa lughe de s’avrèschida si leaìat cumpresa de su misteriu de su brunzete. Sos nuragikos fiant cussos k’ haìan’ una missione ‘e ite lompere, issos ‘attiana una profezia ki avansaìat sos seculos, pro kustu haian fusu unu brunzete ki mustraìat una femina setzida cun su fizu sou in coa. Komo a sos ojos de Antòni s’isolviat su misteriu: sa femina est sa frigura de sa birzine liza chi hat a dare a sa lughe su Re potente pro dominare sal Natziones cun d’unu fuste e-i una corona de ferru. Su brunzete contaiada ad Antòni su segretu de una antiga profezia: sa ben’ ‘ennida de su Re Messia.

Andrea Sanna

felicità e silenzio

28 Giugno 2016 |  Tagged , | Commenti disabilitati

giorni di felicità e silenzio
rapiti di piacere all’occaso
come foglie al sole volti
scolpiti di primavere mai sopite
il troguolo stretto dell’inverno
agita malferma mano oltre
su la caligininosa notte
che presto la luce avvolge
di tempo abito il limite dei mondi
tribolati bianchi e gusci di conchiglie
sono per sempre bambino

asse

8 Giugno 2016 | | Commenti disabilitati

ho bevuto alla sorgente del verde
solo alla selva turgida aurora
l’oblìo del tempo
alla ruota del presente
solo vederlo a precipizio
asse sacro del mondo

Come la natura abbandona gli esseri

al rischio della loro sorda brama, e nessuno

particolarmente protegge nei solchi e sui rami,

così anche noi siamo, nel fondamento primo del nostro

essere,

non particolarmente diletti. Siamo arrischiati. Soltanto

che noi,

più ancora che pianta e animale

con questo rischio andiamo, lo vogliamo; talvolta anche

siamo più arrischiati (non per nostro vantaggio)

della vita stessa; per un soffio

più arrischiati … Ci forgia, al di fuori della protezione.

Un esser-sicuro, là dove agisce la gravitazione

delle forze pure; ciò che infine ci custodisce

è il nostro esser-senza-protezione, e che noi

ci siamo rivoltati nell’Aperto, avendo visto la minaccia,

onde, nel più ampio Cerchio, in qualche luogo

dove la Legge ci tocca, gli rispondiamo di sì.

da i Sonetti a Orfeo di R. M. Rilke

26 Novembre 2014 |  Tagged , , | Commenti disabilitati

Sonetti a Orfeo”:

Anche se il mondo si muta,

rapido, come forma di nuvola,

ogni cosa compiuta ricade

in grembo all’antica.

Ma sovra al mutar e ai cammini,

più dispiegato e più libero,

rimane il tuo canto,

o Dio sacro della cetra.

Ignoti ci sono i dolori,

e oscuro rimane l’amore;

che sia che ci sospinge alla morte

è nelle tenebre avvolto.

Solo il canto, qui sulla terra,

consacra e onora.

Salda rimane una cosa: sia mezzogiorno, o si vada

verso la mezzanotte, sempre sussiste una misura a

tutti comune;

tuttavia a ognuno viene assegnato qualcosa di proprio;

ognuno procede e giunge fin dove può.

da I Quaderni di Árchenor

11 Novembre 2014 | | 5 Commenti

Karalis – Galera degli Angeli

27 Ottobre 2014 | | Commenti disabilitati

Karalis, sotto le bocche di lupo a precipizio del tropico del cancro .- Dal castello alla marina fantasmi di vapori salsi urlo al cielo brulicante approdo dei venti incerto .- Galèra fenicia degli angeli ruvido nero profumo di spezia al mare bianco dei datteri immaturi .- Il tram della paura africa e Tùnisi delizia ruggine salmastra di caffè deserto violenza a pugni in pancia porto di pecore grano anfratto neolitico pecus di un dio romano centro del mondo menhir fatto miliario effige di nuraghe città franca corsara che munge i suoi figli tramortiti sulla scogliera dalla sella al mare del diavolo, esausti di rapina dai tempi di ampsicòra cornus pax romana troia di bisanzio piccola roma letto delle janas verghe di leccio .- petto turgido oblìo affumicato d’urina nettare cadaverina.- Riposava nella tomba dei giganti dentro il nuraghe tiu Portolu vestito .- Al buio per sempre.
Magìa spiritismo amanti necrofile nuragiche scampate all’inquisizione. Agivano arti segrete pei lontani trapassati al fuoco di una vecchia spelonca misteriosa dove era nascosto un tesoro, sudarii di antichi avi in agonia.- Arancie secche affumicate belle cariche di piacere..- Il pube aperto come una criniera di puledro nerissimo ed umido i capezzoli duri.- Le volte la turrita marina volava rapida, schiere di rondini angeli di dolcissime ebbrezze profumi di capperi maturi sbocciati sui tetti di mater sardinia a precipizio da Pancrazio alla marina tutto blu e neon fuggiva oppium tiu Portolu sulla pietra di Archenner .- Oblio bocca di latte e miele dove sdoppiava il crudo sasso leccato sangue di stelle drogato di mille coppe di vino rubino moscato stupro vergogna sverginata lontana.- Lontana spina di mirra tra rose pietrificate un deserto verde d’argilla aspra terrigna vulcanica scistosa magmatica arsa dal sole ai confini del nulla regione dei morti una bara di janas al venerdì santo della necrofilia adepta di cadaveri .-Soffitte di frasche canne e tegole marcie nella necropoli nera sortilegi malefici li custodivano mummificati gli eroi e i loro corpi insieme agli evi di polvere e cenere.- Donne locuste rara dai bastioni spagnoli a santa Croce.- il mare baluginava dentro i lastricati umidi del pisciame acre e continuo tra volte botte – Pareti rigonfie di sale e caolino. Lungo il buio fitto dei pianerottoli unti su per le scale strette di pietra nera era ancora l’alba d’inverno il suo sudore d’infarto al cielo .- Karalis, quasi Sardegna fanatica bigotta latrina .- Infame lupanare del porto : tu che uccidi i tuoi figli di Arcuentu, che svuoti le tasche dei pescatori negli orii della regina di legno città divisa che non chiedi niente mercenaria naufràga .- Tu che filtri il moscerino lo rivolti sconvolta d’eroina di sesso latrina dormitorii ai confini del mare delle saline, oasi di puttane di imperiale bellezza, rugiade a vetro e limone. Gerusalemme immersa nel fiordo .- Palme macchia mar Sardo divisa al confine del cielo divelta al centro del cuore dove Agostino dormiva del giusto Tagaste; cammella di turgide poppe, zefìra di pelle bruna speziata.- Gazzella fenicia, puttana sui muri schiava della darsena mesciato al piscio degli ubriachi al vomito dei cani ingoiavi capperi amari cresciuti lì sui muri in piedi tra i bastioni di Canelles la festa era capanne lanterne di birra e di vino c’era maiale .- un mare ostile Savoia era il male.
Archennor:“ io sono il figlio del nuraghe .- Pronipote del gigante Portholu.- Il capostipite di Fulcadu il superapostolo di Cristo, Bartholomeo.- L’ultimo dei nuragici primo sacerdote guerriero della nuova alleanza” .- Taceva sordo alla brina, il valico bianco, un brivido freddo sospeso tra i suoi pensieri megalitici regione dei morti di muschi licheni più su nei boschi millenari di querce – “Io lo so che ne tremo di questo passo ritorno nel lontano trasudato dentro il midollo di dense energie .- che mi cambiano continuamente il confine di due tempi in infinito fatto invisibile. assolutamente sciolto, frantumato come un principe di mille anni prima .- Ora pane e vino nel celeste ora ardente ad Oriente”. – questi di paura invaso di una colpa nuova improvvisa e così antica che soffoca la vita al largo del mare mentre alcuni conficcavano spade al Maestrale desinare d’autunno al buio della spelonca viola sarcofàgo nel letto bruciato nell’aria densa della pioggia fredda di novembre.- Baluginava il ghigno beffardo del tempo, capannelli di piccoli delinquenti fatti di vino zolfato spiavano frustrati le civette dei carabinieri sprofondate nere di fango terrificante.-
Il settimo anno del settimo sigillo nel mese di Nisan transitava l’Aquila bianca nel suo cielo e la terra conobbe quaranta giorni di pioggia da Parascève alle Capanne . la mitra del cristo pazzo di Lublìno aveva i segni di un tempo e la metà del tempo, i colori di tutti i popoli visitava lo spazio dei cuori e il cosmo era in silenzio.- Prima di tornare il pescatore gettò ancora una volta le reti nell’abisso il sole si oscurò si sollevò la tempesta tropicale l’oceano restituì un vuoto guscio di conchiglia e una testa di moro fardello d’orso, drappeggio di Frisinga. .- Al suono dell’angelo sterminatore la settima tromba sconvolse il cielo un terremoto attraversò Albione e il mare inghiottì le città di Satana.—

Il giorno che il vascello era vacante, una forza divina era entrata in lui, era il pescatore e visitava il suo regno, un papa giovane con i colori dei popoli.- Efrata dell’aquila, sperduta tra i monti del Logudoro un sole caldo di giustizia un sole d’oro gli feriva il cuore pazzo in pectore pescatore di tutte le genti di tutti anawim .- Il plutonio glie lo aveva regalato suo zio materno quello borbonico di Utrecht che aveva fatto erigere l’ala destra de Santa Rughe effigiandola con la scultura dell’aquila a due teste che di due in due non faceva mai intero, fino alle ossa evaporate dei morti crescevano le melanzane al cobalto blu come gigli lividi e turgidi nell’orto, coltivava boschi di papaveri pomodori giganti come angurie e miriadi di esseri che dal letto di procuste salivano cambiando aspetto e forma. Era una reazione a catena, tutto mutava il mondo attorno era un altro avevano tutti bisogno di un padrone e i padri erano sempre stati simoniaci era un paese strano.-libertà di farsi un po’ più piccoli per essere fratelli ed era democrazia, pazzo! pazzo!” – pazzo davvero.- Era stato in manicomio criminale dove la prassi psichiatrica era detta in tedesco e con il vocabolario in mano passeggiando non capiva questa cattività democratica perché mai tutti non stavano fermi e così lui senza mai fermarsi.- Furiosi patetici prendevano a pugni le betulle del parco e gridavano un mare caotico e il bosone di highs che era dio, lo cercavano nelle fogne in accelerazione di Ginevra.- Archennor era un paese devastato e maledetto da secoli di violenza bruta e barbara era la vita rimasta a vegetare come una spina acerba in un deserto arido e polveroso canicolare d’estate ghiacciato arso d’inverno, una mirra amara dove gli uomini vomitavano fiele e le donne brune e chiare di straordinaria bellezza dagli occhi di berillio e alessandrite erano morse da una voglia irrefrenabile di sesso che solo la cattolicità imposta fin dalla nascita appena rivelava entro i corpi indiavolati che pungevano e stordivano i poveri vaganti forestieri ancora lucidi e poco avvezzi alla magìa delle janas i quali lasciavano mogli e fidanzate per venire ad Archenur dai campidani e dalla montagna per vendere torroni e limoni per un coito micidiale a s’abbardente o una fellatio a denti stretti in piedi dietro la porta insanguinata sgrondata di sperma: “ il mio inferno colorato e ricco di frutti di libertà senza colpa e pieno di peccati al vostro paradiso biancastro che attende il condono prezzolato di tutte le voglie soffocate in prigione a tette nude sul balcone vergini d’imene troie ghiottone del principe che vi sputa in bocca giorni e anni assoluzione indulgentia temptatione calma e fior di banana”. Le fiere paladine delle mutande di pizzo nero e delle giarrettiere spagnole, delle madonne di legno e gesso mummificate in processione di cingoli bianchi annodati a tre per ogni peccato pensato e mai fatto per ogni piacere rubato intensamente agognato voluto pregato contro la loro volontà di puttane cattoliche osservanti, i prepuzii dei santi le vergogne pelose il corpo nudo trafitto dei martiri e voluttà leccava aspergeva succhiava il sangue beveva custodiva organi miracolosamente vivi e pulsanti come lingue e nasi o il sacro cuore di gesso dove stordirsi di nebbie di paradisi di panna montata bianca assolutamente neutrali cioè angeli di legno e calcina ignavi e freddi tutto tremava sotto il fragile assito delle fogne su cui poggiavano le case trasudate di melma fangosa e verdi d’argilla. La montagna piegava cangiava forma filava con il tempo ed il vento come un formaggio cotto un Cacau che sfiatava ogni inverno la rena di Archennero. era il paese più sfigato mille abitanti beffati dalla storia che qui non era mai passata anzi stava per arrivare e i sindaci erano cento come cento fighe nelle pieghe riposte della mater grassona del no non è possibile sino ad ordine contro ad obbedentiam caliginem mentis.- Un circo un bestiario un luogo cotto di tegola sulfurea una muffa di terra semimalarica una marea di teste di cazzo impotenti maledicenti scurrili impostori ladri sequestratori calunniatori imbroglioni traditori avanzi di galera nel paese murato al confino era un reparto a cielo aperto di gerontopsichiatria criminale.- Ma c’era pur qualcuno anormale che ancora beveva acqua alla sorgente e camminava scalzo per le strade senza farsi male. i morti seduti alle sedie mostravano gambette esili e rosa grasse con peli bianchi gialli come lo zampone dei maiali cresciuti all’ingrasso che topavano a carte a bere vino zolfato acido e crudo.- IL Don Quichote era passato un pomeriggio di Ottobre tra i farm wind – wind farm e pensava a Dylan alla libertà della green generation over fifty che grattavano il formaggio dei pastori a 130 metri sulla Campeda.- Tutto era fermo ed il vento non soffiava ancora pecunia.- Una signorina di mezza, età precisa come una svizzera e ricca come una vacca del Ticino la signora o Knoffer la nuova donna Piercy della Campeda.- Già sognavano un nuovo West fatto di camperos dove il bosco era già carta straccia su cui arrostire i pittocos delle villas al mare.- IL progetto lo riportava dall’olocene con tanto di spiagge e fiordi alle derive dei porti insufflato dal maestrale. – nascere morire lei lo sapeva come lui solo se la nascondevano un poco la sorte e allevare figli era non capire di essere genitori per forza senza velleità di primogenitura o eredità di lignaggio che l’elica alfa girava ora bene ora male non c’era merito alcuno a fare figli ne a copulare se non la voglia da appassire e spegnere invano come brace all’aria.- La gatta nel soffitto ad ogni quarto di luna me li riportava ad uno ad uno i piccoli per controllare che tutto andava bene e li curavo dalla malattia delle cataratte eredità ad elica della sua progenie dei pescatori di Bosa, no non c’era merito ma dovere cieco assoluto di allattare a grosse mammelle piene di latte i cinque di Luglio ed i quattro di Marzo così nascere e morire era la sorte potenza impotente dentro l’orco del sesso nell’antro delle janas ipocrite e senza dio fameliche e annoiate per tanta abbondanza di maschio, bozzolo criso per i suoi figli di Orgosòlo o con la testa mozzata s’aggiravano nelle paludi fetide di Terquillo cercando sa mama e su frittu, la mater dolorosa, l’amantide mamma del freddo.Erano passati mila anni e il tempo non era stato vano che esso fosse l’antro dove si fondevano i bronzi ma le pietre dure avevano sembianza di cavalli alati ed elefanti della malesia verdi topazi e alessandriti diamantine rosse al crepuscolo della mittel europa troppo middle o piccola città bastardo posto fatte di soffitte e spelonche dove orfano lo fui alla nascita seconda di lingua apoplettica sintassi sincopata soffocata grammatica rap sound tip tap tekno devastante sotto il cielo incolore sempre inverno acerbo amore inconsistente reggae fonetico dutsch.- Avevo partorito mia figlia nella neve rara a Nord di Norimberga sotto una bufera di neve, dove tutti ce l’hanno duro alla cocaina e dentro solo di merda.- Dipingeva lei la madre forse cantava artista ma a Rosa Luxembourg Platz le molotov bruciavano solo se stesse e qualche vecchio rottame della ddr, assistiti statali bolscevichi anarchici produttori di prole figli dei fiori nostalgici delle fumate e delle ammucchiate capitalisti di pancia fatti d’hamburg dove il mare è giallo come l’olio fritto due volte baltico radioattivo glaciale.- Ad Archennor intanto l’ecumenismo a cui s’erano prodigati e poi il charme e l’aspetto, “che rospo infame e brutto il nuovo prete per carità non ha visto nemmeno il concilio vaticano secondo!!”ohi ohimè, belavano teste rasate gambe rasate di donne non più giovani profumate truccate di blu e nero con labbra aperte a gambe incrociate coi fianchi nudi pelosi biondicci aspettavano il sabato ogni domenica del lunedì santo e poi ancora siringhe e alcool e noia e morale dall’orologiaio ho giurato e non mi pento non entreranno nel luogo del mio riposo una generazione irride l’altra- medioevale ero, lama fui

Pensavo alle tre tende di una più grande bianca

23 Ottobre 2014 | | Commenti disabilitati

Pensavo alle tre tende di una più grande bianca. Pensavo che Martin fosse pescatore non solo un buon sarto a cavallo per fare di uno due e di due un solo mantello- .Tu spezzi il pane ogni giorno e dividi i pesci con noi ma noi non sappiamo neppure ringraziare. Misericordia io voglio non sacrifici. Certo, se t’incensi lo fai ancora come un tempo digiuna, ai piedi dei nuraghi Esisto da sempre tra la trachite e il tasso nel mio micro-clima di mare e cielo di azzurro e neve, coperto di lana grezza di licheni a piedi nudi sui muschi verdi cammino, senza ferire il cielo a volte solo me stesso.Ho camminato sette volte la terra sette i naufragi sette le stelle sette le mie età dell’oro sette i nuraghi sacri–Lungo la via del serpente gli ho tagliato la strada ho trangugiato sette anni il veleno l’ho morso e sputato-La mia religione non lega gli amanti ma gli inanella liberi nella creazione dei figli del cielo e della terra-Ho colto le poesie come i fiori d’Aprile esse abitano all’ombra della terra come manna filata nel cielo-I pastori non hanno più gregge ne greggi pastori – solo mungitrici elettriche e mangimi bio-intensivi- Quando gli animali puzzavano vivevano felici e anche gli uomini puzzavano vicino agli animali felici-Sono sette settimane che dormo tutto il giorno e la politica del materasso val bene la pallottola e se ho dormito per non morire non ho costruito castelli di carta in cieli di schizofrenie ma anfore di acqua viva. Siamo molti se guardiamo chi siamo, noi siamo io e quattro fratelli gatti pelosi. La letteratura senza gancio né spada è un fiore di loto dai mille petali- shalom. Sulle cime di queste montagne – Marghine Goceàno – il sacerdote vestito di lana verde di muschi e licheni che lo rivestono tutto, accoglie i compagni della montagna rivestiti di grossi campanacci con i quali stanno sempre e la notte entrano dentro una campana per dormire e per captare i suoni del Dio dei boschi. Il sacerdote di lana grezza di licheni evoca la neve: subito tutto è bianchissimo e ricoperto di un velo sottile su sù fino alle spelonche più in alto e nascoste, negli anfratti e nei cunicoli, nelle fenditure delle rocce, nelle querce e negli aceri appena piantati.
Al passo dei monti nella parte più interna dell’ antica isola Sard da millenni il giorno della PurissimaA metà d’agosto i vecchi a gruppi di tre mostrano ai più giovani le antunnas sacre, nate lì sotto la pezza rigonfie e immarcescenti, turgide con le teste marron piccole querce in miniatura – nel nuristene è un via vai di cure antiche con le erbe, suffumigi contro i demoni del tempo ed altro. La verità è che la vita è un sentiero e tutti i sentieri sono sentieri difficili, irti di bugìe – non è men vero che tutti i sentieri mentono- che la verità è un circolo, forse voleva dirci il nolanense protestante, che il diritto si volge in circolo a sua perfezione.
Né oro né denari, sandali e calzari né bisaccia né mantello né bastone- io vi ristorerò.
Libero è chi si libera- ma libero è Colui che libera- la libertà vi farà liberi e conoscerete Dio. Tutto il giorno scherniti, umiliati, feriti, messi da parte, giudicati-portati al macello. Non così non così gli empi ma tutto rendono al mondo con il loro orgoglio ed i suoi ori poiché sono del mondo e il mondo passa con il suo orgoglio e i suoi ori. Viaggiavo in asse magnetico alla ricerca Schichsall, Oriente – Sud-W – North-E., a Norimberga cenere e nebbia, le cinque della mattina, la stessa forse di sessant’anni prima – tu impalato bianco-grigio ai cavi d’acciaio sospesi in aria-. Vedevo tra il ferro rugginoso e l’eternite qualche casa colorata, di tanto in tanto, un alcova, con una fioca luce ancora accesa. Non un uccello in volo né alcun segno di vita- sembrava una regione desolata di catrame petrolio – forse l’inferno. L’acqua porta acqua, quella volta spaventai i turisti e si allagò il campeggio tanto ne fece. Era mattina e disegnavo cerchi e spirali di fronte al mare a piedi nudi sulla sabbia – evocavo la forza delle onde in sardo antico pronunciavo formule, con un bastone richiamavo le nuvole, la condensa del temporale per purificare l’aria malsana di rumore e umori estranei alla natura del luogo. Verso mezzogiorno si coprì il cielo di nubi cumuliformi grandi grandi come cavolfiori nel cielo, cominciò a piovere a dirotto e lo fece per sei ore – non mi ero reso conto che ero l’attore necessario di un fatto necessario e contingente come un semplice temporale..

I Falchi di Rebeccu

21 Ottobre 2014 |  Tagged , , | Commenti disabilitati

I Falchi di Rebeccu. Novella per bambini di Andrea Sanna

Gur e Gungor erano due falchi maestosi che da Marzo ad Ottobre amavano librarsi immobili nell’aria e volteggiare in volo nel territorio di Rebeccu. Gur era maschio e Gungor era la femmina.
Facevano parte dei Gheppi o Falchi grigi. Era arrivata la primavera dopo un lungo inverno di tempeste edi neve. Finalmente Gur e Gungor si avvitavano sul forte Maestrale andando incontro al sole. Gur era velocissimo nel piombare a terra e catturare la preda, Gungor era abilissima come Gur ma il suo compito era individuare la casetta o il nido su tra le rocce od in qualche vecchia quercia bucata. Era proprio questo il compito da risolvere tra la fine di Marzo e gli inizi d’Aprile. Per il momento i due falchi se la prendevano con filosofia e si godevano l’aria fresca ed il sole ristoratore. Gungor librandosi in volo a vortice con Gur si facevano sentire sopra il pinnettu fino a volteggiargli attorno forse per salutare Giovanni il contadino.
Dopo essersi librati molto in alto si lasciavano andare, sospesi nell’aria, per poi precipitarsi nella valle sino al suolo con un topolino nel becco che mangiavano sulla rocca e mettevano ogni cosa in comune. Frattanto erano giunti i primi giorni d’Aprile: l ‘aria si era fatta più dolce e stemperata del glaciale Maestrale, ora soffiava un vento di Ponente che portava l’aria del mare. Gur e Gungor erano felici erano una coppia di tre anni d’età. Gur una mattina andò in perlustrazione: voleva vedere come stavano i pulcini e le galline che nella pianura allevava zio Portholu, scese velocissimo in picchiata sino a sfiorare il suolo, ma non vide pulcini ma galli e maiali. Un po’ deluso riprese il volo e si chiedeva perchè non ci fossero più pulcini né galline ma soltanto galli e maiali. Andò da Gungor e le raccontò quanto aveva visto. Gungor le disse: non ricordi che l’anno passato sei sempre andato da zio Portholu ed hai portato sempre un pulcino per i nostri due falchetti Clam e Pam? Devi ringraziare che non ti ha preso a fucilate! Perché noi falchi siamo della famiglia dei rapaci e dobbiamo sempre cacciare prede selvatiche, hai capito? Gur annuì rispondendo di si!
Il giorno seguente Gungor uscì in perlustrazione a caccia di possibili nidi dove abitare e fare la cova.
Si librò altissima nell’aria e dopo aver raggiunto un punto di sospensione metteva a fuoco con i potenti occhi tutto il territorio circostante: vide un bellissimo nuraghe a mezza costa tra le rocce ma era troppo in basso per la loro sicurezza e per la minaccia di cattivi cacciatori. Allora vide una grande quercia semi bruciata ma viva e dell’età di cinquecento anni, aveva resistito all’ultimo incendio dell’anno precedente e chissà a quante decine di incendi. La quercia era coricata su un’alta rupe e le sue radici penetravano così tanto profondamente nella roccia da affiorare poi in superficie rosse di pietra come basalto. La quercia era annerita sulla pancia dove si era formato un grosso buco concavo per un metro di profondità. Gungor si avvicinò alla quercia essa era in realtà poggiata su un crepaccio di oltre cinquanta metri e assai robusta da non temere i venti e le tempeste. Sembrava che avesse trovato la sistemazione giusta per entrare in amore con Gur che l’aspettava. Gur e Gungor entrarono in luna di miele che era il dieci Aprile del 2009. Quanti infiniti voli vorticosi sospesi nell’aria calma il sole era fiammeggiante e tiepido, i boschi sottostanti verdi e lussureggianti di querce si sfioravano talvolta in questo spazio sospeso, per poi lasciarsi cadere avvinghiati su una quercia : tu sei la luce dei miei occhi disse Gur a Gungor e questa rispondeva: e tu sei il mio cavaliere il mio re Artù. Ancora Gur le diceva: tu sei la Dea madre sei bella più del sole, ed ancora rispondeva Gungor: tu sei il mio campo di erba fresca in fiore sei il più bello delle creature. E così trascorrevano delle ore e passavano i giorni in una gioia infinita ed indefinibile per i due amanti, quanta dolcezza e che soavità nell’anima era un giardino incantato dove i due erano ormai fusi in un’unica anima.
Così il venti Aprile raggiunsero il nido presso la grande quercia e Gungor si mise a covare. Ora spettava a Gur procurare da mangiare per Gungor che covava. Il primo giorno di caccia, Gur fu molto bravo riuscì a catturare una biscia che mangiò insieme a Gungor nel nido. Ma dovevano passare ben trenta giorni prima che le uova si schiudessero e poi altri trenta per dar cibo ai piccoli che sarebbero nati. La medesima notte Gungor fece tre uova ed iniziò la cova. Gur il giorno seguente si alzò in volo approfittando delle correnti ascensionali raggiunse il punto di sospensione e puntò velocissimo dentro il bosco. Questa volta prese un topolino di campagna e consumò il pasto con Gungor. Passarono i giorni, Gur era diventato molto abile nella caccia grazie anche alla bella stagione che non faceva mai mancare le prede a Gur: a volte era una lucertola od una salamandra a volte un passero a volte un topolino o una biscia. Erano passate le settimane ed a volte il tempo era stato inclemente, alcuni temporali notturni avevano disturbato e spaventato i due che si erano svegliati un po’ bagnati. Intanto il tempo era divenuto stabile e caldo quando una mattina di Maggio le uova si schiusero ed uscirono dalle uova i tre falchetti: Tille, Tal e Tel. Fu una grande festa per i nostri cinque Gur e Gungor erano estasiati e meravigliati. Gur volò subito a caccia e poco dopo portò una lucertola che i piccoli dimostrarono di gradire molto. Di giorno in giorno i piccoli crescevano a vista d’occhio, Gur era frenetico nel portare in continuazione nuovo cibo al nido e cacciava mattina e sera. Gungor si occupava con dolcezza di Tille, Tal eTel che quasi non ci stavano più nel nido ed avevano accresciuto molto il piumaggio. Si avvicinava l’estate e faceva caldo, ora anche Gungor andava a caccia e spesso portava delle prede più grandi di quelle di Gur. I piccoli mangiavano tutto con voracità ed erano instancabili veri pozzi senza fondo. Si avvicinava così il grande giorno di lasciare il nido. Tille era il capo, era diventato un bel falchetto maschio ed era il leader dei due altri fratelli; così era anche per Tal e per Tell.
Il primo a volare alto fu Tille accompagnato in volo dal padre Gur e rimasero alti in sospensione. Quindi fu la volta di Tal e Tel insieme accompagnati in volo dalla madre Gungor che sfruttando le correnti ascensionali raggiunsero Tille e Gur in sospensione a duemila metri di quota. Ora erano una famiglia ma il tempo come sempre correva e non sarebbe passato molto tempo per la loro assoluta indipendenza. Questa è una storia vera, i falchi volteggiarono a lungo sopra il pinnettu per salutare Giovanni il contadino, poi puntarono dritti verso il sole. Poco più di un mese dopo la campagna di Rebeccu fu devastata da un furioso incendio, il pinnettu si salvò ma non fu più come prima. Resta il dolce ricordo della famiglia dei falchi che ancora volano intrepidi sopra su pinnettu.